Immagine
 Il sito web... di Marco Poli
 
et discrepant in loquendo
Bononienses Burgi Sancti Felicis
et Bononienses Stratae Maioris.

Dante Alighieri, De Vulgari Eloquentia, liber I, cap. IX
” 
 
\\ Home Page : Articolo
"Lo Spirito": mugnaio di Monghidoro o brigante?
 Marco Poli (del 25/10/2010 alle 13:06:59, in Articoli, visitato 4320 volte)
Quando a Monghidoro la gente vide il bando di leva, ebbe un moto di rabbia: del resto, la leva militare obbligatoria era una novità assoluta introdotta dalla monarchia dei Savoia. La rabbia si trasformò in ribellione e, alle 5 di mattina del 7 agosto 1860, la sede comunale e l’abitazione del capo della Guardia Nazionale di Monghidoro furono circondate da gente armata in vario modo: lo stemma dei Savoia fu atterrato dalla facciata del Comune e sostituito con quello pontificio.
Il manipolo di rivoltosi era guidato dal mugnaio Gaetano Prosperi, detto “Lo Spirito”, e dallo studente in diritto Assuero Ruggeri, entrambi di Lognola, Poche ore dopo giunsero a Monghidoro i carabinieri e il tumulto cessò. Nei giorni successivi, dopo battute fra i monti e fra i boschi, furono arrestate molti “rivoltosi”, ma non Prosperi. che si diede alla macchia e girovagò per l’Italia giungendo fino a Roma; poi tornò nel suo paese nascondendosi nei pressi del suo mulino. La polizia gli diede la caccia senza, però, riuscire ad arrestarlo, finché un carabiniere, in borghese, lo scoprì: si fronteggiarono armati e sparò per primo Prosperi uccidendo il carabiniere. Ormai la figura dello “Spirito”, protetto dalla complicità dei concittadini, stava diventando quasi leggendaria, finché accadde che nel pulire il fucile gli partì un colpo che lo ferì ad una mano. Solo allora fu possibile arrestare “lo Spirito”. Rinchiuso nel carcere di S. Giovanni in Monte di Bologna, dopo i vari gradi di giudizio, il 15 dicembre 1863 “lo Spirito” fu condannato a morte tramite decapitazione. Fu considerato un brigante, ma non lo fu: forse fu un filo-papalino, certamente una testa calda che contestava la leva obbligatoria: poi si trovò braccato dalla polizia e cercò di sfuggire riuscendovi per due anni e mezzo. Ora, questa storia vera è raccontata in un libro di Claudio Evangelisti (“Lo Spirito: il brigante del Papa Re”).
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa


COMMENTI
A causa di eccessive intrusioni di fastidiosi "spammer", ho dovuto disabilitare i commenti, almeno per un certo periodo. Al momento, se desiderate mandarmi un messaggio, utilizzate l'indirizzo di posta elettronica marcopoli[chiocciola]marcopoli.it, comunicandomi eventualmente se volete che il vostro scritto venga comunque reso pubblico in calce all'articolo a cui si riferisce. In tal caso provvederò io stesso a inserirlo manualmente. Grazie.
Ci sono 311 persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Agenda Conferenze (1)
Articoli (112)
Articolo (4)
Biografia (1)
Cose d'altri tempi - Rubrica del Resto del Carlino (9)
Curiosità petroniane (8)

Raccolti per mese:


Gli interventi più cliccati

Gli ultimi commenti:

Gent.mo dott. Poli, per conto dell'Ass...
16/02/2012 alle 16:45:01
 Mauro Marroni

Ricordo che da studente, negli anni 60...
08/02/2012 alle 01:12:14
 Aristide S.

Posso assicurarle che nell'interrato e...
15/01/2012 alle 21:06:16
 Anna Domenica Toffenetti

Buonasera. Vorrei sapere se il superme...
13/01/2012 alle 14:43:45
 Adele









20/08/2019 @ 05:09:32
script eseguito in 80 ms


Area Riservata