Immagine
 Il sito web... di Marco Poli
 
ricordi, fu con te a Santa Lucia,
al portico dei Servi per Natale;
credevo che Bologna fosse mia...

Francesco Guccini, Eskimo
” 
 
\\ Home Page : Articolo
La "toponomastica del cuore" dei bolognesi
 Marco Poli (del 18/09/2011 alle 21:10:01, in Articoli, visitato 2809 volte)
Anche la toponomastica va considerata un bene culturale perché è la memoria collettiva di storia cittadina. I nomi delle vie, fino al XIX secolo, non nascevano da decreti dei governi, ma per generazione spontanea: erano gli abitanti della città a dare il nome alle vie. Dunque, fino all’Unità d’Italia, la denominazione delle strade non era né regolamentata, né imposta dalle autorità; inoltre, non c’erano le targhe. I nomi delle vie, quindi, non erano scritti e si tramandavano nel tempo. Queste denominazioni avevano origine da caratteristiche del luogo e dei suoi abitanti: una famiglia o una persona o gruppi di cittadini (mestieri), fatti di cronaca, animali, piante, corsi d’acqua; e tantissime denominazioni religiose motivate dalla presenza di una chiesa o di un convento. Ma c’è anche una toponomastica più recente, non codificata, che deriva dai nomi dati dai nostri avi ad alcune zone della città: non è segnalata da alcuna targa, ma è rimasta nella memoria, magari dei più anziani, ed è tramandata a voce. Infatti non esiste alcuna via intitolata a Pavaglione, Chiesa Nuova, Cirenaica, Bolognina, Alemanni, Bitone, Ca’ de’ Fiori, Arco Guidi, Noce, Oca, Otto Colonne, Sostegnino, Portico della Morte, Garganelli, piazzetta del Ragno, Zucca: i bolognesi più maturi d’età sanno benissimo dove sono questi luoghi, un po’ meno i più giovani. Ad esempio, agli utenti del tram, la località Zucca era notissima: era il deposito delle vetture e quando veniva effettuata l’ultima corsa, il manovratore esponeva il cartello “Zucca” per far comprendere che il servizio era terminato e che lui e il tram andavano verso il meritato riposo. Infine ci sono i luoghi diventati punti di riferimento per la presenza antica di un caffè (Zanarini), di un libraio (libreria Nanni), di un cinema o teatro, di un ospedale, ma anche il luogo (via Caprarie-salumeria Tamburini) in cui per anni chiese l’elemosina per i poveri padre Marella.
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa


COMMENTI
A causa di eccessive intrusioni di fastidiosi "spammer", ho dovuto disabilitare i commenti, almeno per un certo periodo. Al momento, se desiderate mandarmi un messaggio, utilizzate l'indirizzo di posta elettronica marcopoli[chiocciola]marcopoli.it, comunicandomi eventualmente se volete che il vostro scritto venga comunque reso pubblico in calce all'articolo a cui si riferisce. In tal caso provvederò io stesso a inserirlo manualmente. Grazie.
Ci sono 372 persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Agenda Conferenze (1)
Articoli (112)
Articolo (4)
Biografia (1)
Cose d'altri tempi - Rubrica del Resto del Carlino (9)
Curiosità petroniane (8)

Raccolti per mese:


Gli interventi più cliccati

Gli ultimi commenti:

Gent.mo dott. Poli, per conto dell'Ass...
16/02/2012 alle 16:45:01
 Mauro Marroni

Ricordo che da studente, negli anni 60...
08/02/2012 alle 01:12:14
 Aristide S.

Posso assicurarle che nell'interrato e...
15/01/2012 alle 21:06:16
 Anna Domenica Toffenetti

Buonasera. Vorrei sapere se il superme...
13/01/2012 alle 14:43:45
 Adele









20/08/2019 @ 05:36:31
script eseguito in 111 ms


Area Riservata