Immagine
 Il sito web... di Marco Poli
 
gli ho detto che nel centro di Bologna
non si perde neanche un bambino...

Lucio Dalla, Disperato erotico stomp
” 
 
\\ Home Page : Articolo
Quando papa Lambertini inaugurò la Fontana di Trevi
 Marco Poli (del 23/08/2012 alle 10:44:19, in Articoli, visitato 1743 volte)
Questo giornale, nei giorni scorsi, ha pubblicato un articolo nel quale rilanciava l’allarme sul degrado della Fontana di Trevi a Roma. Il Sindaco di Roma ha rivolto un appello ai privati per trovare i fondi necessari per la ristrutturazione, come nel caso del Colosseo.
Come è noto fu papa Clemente XII ad avviare, nel 1732, i lavori per la costruzione della Fontana, ultima grande opera monumentale in stile barocco non di carattere religioso, bensì laico. Il progetto fu affidato a Nicolò Salvi e l’ingente spesa fu finanziata coi proventi del gioco del lotto.
Nel 1735 papa Clemente XII volle inaugurare la Fontana anche se i lavori non erano terminati. Papa Benedetto XIV, al secolo il nostro Prospero Lambertini, che dal 1740 fu il successore di Clemente XII, da attento amministratore delle finanze vaticane, visti i costi sempre crescenti dell’opera, volle vederci chiaro e solo dopo aver ridotto la spesa, nel 1742, fece riprendere i lavori. Dispose l’aumento della portata dell’acqua e la realizzazione delle numerose sculture che incorniciano la Fontana.
Nel 1744, papa Lambertini inaugurò l’opera anche se alcune parti non erano completate; cosa che avvenne solo nel 1762 da parte del nuovo pontefice Clemente XIII che, quindi, celebrò la terza e definitiva inaugurazione della quale cade quest’anno il 250°. Sulla facciata della fontana vi è una lapide ed una scritta: la lapide ricorda il ruolo fondamentale di papa Clemente XII, mentre la scritta a grandi caratteri ricorda che papa Benedetto XIV perfezionò e completò l’opera. Un dipinto di Antonio Paolo Panini, conservato al Museo Puskin di Mosca, raffigura papa Benedetto XIV che si reca ad inaugurare la Fontana di Trevi. Papa Lambertini, lasciò un segno indelebile nella cultura della città eterna: tutelò il Colosseo, restaurò San Pietro, il Pantheon, Castel S. Angelo e S. Maria Maggiore, arricchì biblioteche e i Musei capitolini.
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa


COMMENTI
A causa di eccessive intrusioni di fastidiosi "spammer", ho dovuto disabilitare i commenti, almeno per un certo periodo. Al momento, se desiderate mandarmi un messaggio, utilizzate l'indirizzo di posta elettronica marcopoli[chiocciola]marcopoli.it, comunicandomi eventualmente se volete che il vostro scritto venga comunque reso pubblico in calce all'articolo a cui si riferisce. In tal caso provvederò io stesso a inserirlo manualmente. Grazie.
Ci sono 8 persone collegate

< maggio 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Agenda Conferenze (1)
Articoli (112)
Articolo (4)
Biografia (1)
Cose d'altri tempi - Rubrica del Resto del Carlino (9)
Curiosità petroniane (8)

Raccolti per mese:


Gli interventi più cliccati

Gli ultimi commenti:

Gent.mo dott. Poli, per conto dell'Ass...
16/02/2012 alle 16:45:01
 Mauro Marroni

Ricordo che da studente, negli anni 60...
08/02/2012 alle 01:12:14
 Aristide S.

Posso assicurarle che nell'interrato e...
15/01/2012 alle 21:06:16
 Anna Domenica Toffenetti

Buonasera. Vorrei sapere se il superme...
13/01/2012 alle 14:43:45
 Adele









24/05/2019 @ 01:02:19
script eseguito in 90 ms


Area Riservata