Immagine
 Il sito web... di Marco Poli
 
et discrepant in loquendo
Bononienses Burgi Sancti Felicis
et Bononienses Stratae Maioris.

Dante Alighieri, De Vulgari Eloquentia, liber I, cap. IX
” 
 
\\ Home Page : Articolo
Giovanni Aldini, scienziato, benefattore e ispiratore di Frankestein
 Marco Poli (del 21/01/2014 alle 14:30:12, in Articoli, visitato 1846 volte)
Dopo Luigi Valeriani è giusto occuparsi di Giovanni Aldini, lo scienziato che tutti i bolognesi ricordano in coppia con Valeriani per denominare l’Istituto Tecnico che fu fondato in virtù della loro generosità.
Giovanni Aldini nacque a Bologna nel 1762 ed era nipote di Luigi Galvani. Come lo zio, anch’egli studiò fisica e divenne docente all’Università di Bologna nel 1798.
Il suo interesse prevalente si concentrò sull’elettricità e sulla sua applicazione in medicina e per l’illuminazione. Il suo sogno era quello di ridare vita a un cadavere attraverso le scariche elettriche trasmesse dalla pila.
Poiché in Europa si era diffusa la ghigliottina per giustiziare i condannati, nel 1803 Aldini si trasferì in Inghilterra dove ancora si usava l’impiccagione. Giunto a Londra seppe che tale George Forrest, accusato di omicidio plurimo, attendeva il verdetto; pare che Aldini abbia corrotto i giudici per condannarlo e impiccarlo.
Ottenne, così, il cadavere e, davanti al pubblico, azionò una grande pila ottenendo l’effetto di far tornare il respiro e il movimento al cadavere fra lo spavento degli astanti. Il suo assistente morì d’infarto.
Gli esperimenti proseguirono, sempre davanti al pubblico come fossero spettacoli teatrali, sia su uomini, sia su animali riscuotendo il plauso degli scienziati.
Furono questi esperimenti di Aldini a ispirare Mary Schelley per il suo famoso romanzo Frankestein. Ottimo conoscitore di lingue straniere, ha lasciato numerose opere scientifiche anche in lingua inglese e francese. Giovanni Aldini morì a Milano nel 1834.
Lasciò una forte somma di denaro per completare il progetto di scuola deciso assieme a Valeriani.
A differenza di Luigi Valeriani, il Comune di Bologna non gli ha dedicato una via della città a causa della omonimia con Antonio Aldini, famoso avvocato che difese Luigi Zamboni e Giovanbattista De Rolandis e divenne Ministro di Napoleone.
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa


COMMENTI
A causa di eccessive intrusioni di fastidiosi "spammer", ho dovuto disabilitare i commenti, almeno per un certo periodo. Al momento, se desiderate mandarmi un messaggio, utilizzate l'indirizzo di posta elettronica marcopoli[chiocciola]marcopoli.it, comunicandomi eventualmente se volete che il vostro scritto venga comunque reso pubblico in calce all'articolo a cui si riferisce. In tal caso provvederò io stesso a inserirlo manualmente. Grazie.
Ci sono 25 persone collegate

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Agenda Conferenze (1)
Articoli (112)
Articolo (4)
Biografia (1)
Cose d'altri tempi - Rubrica del Resto del Carlino (9)
Curiosità petroniane (8)

Raccolti per mese:


Gli interventi più cliccati

Gli ultimi commenti:

Gent.mo dott. Poli, per conto dell'Ass...
16/02/2012 alle 16:45:01
 Mauro Marroni

Ricordo che da studente, negli anni 60...
08/02/2012 alle 01:12:14
 Aristide S.

Posso assicurarle che nell'interrato e...
15/01/2012 alle 21:06:16
 Anna Domenica Toffenetti

Buonasera. Vorrei sapere se il superme...
13/01/2012 alle 14:43:45
 Adele









23/10/2019 @ 12:16:36
script eseguito in 96 ms


Area Riservata