Immagine
 Il sito web... di Marco Poli
 
una città senza pietà, la mia città,
ma com’è bella la mattina,
quando si sveglia, quando si accende...
e com’è dolce certe sere...
...
dove sarà, prima era qua...

Luca Carboni, La mia città
” 
 
\\ Home Page : Articolo
A proposito di occupazioni abusive
 Marco Poli (del 03/09/2014 alle 22:39:22, in Articoli , visitato 1354 volte)
L’occupazione abusiva di immobili, pubblici o privati che siano, è un reato che va perseguito ed impedito. Questo dice la legge oggi e lo affermava anche ai tempi di Francesco Zanardi, il Sindaco socialista riformista di Bologna dal 1914 al 1919.
Zanardi avrebbe avuto non una, ma mille ragioni per requisire e occupare edifici vuoti. Infatti, con lo scoppio della guerra, l’Autorità militare, in base ad una legge che glielo consentiva, occupò anche 350 aule scolastiche per trasformarle in alloggi o ospedali militari: ad esempio, il “Galvani” e il “Minghetti” divennero ospedali, le “Laura Bassi” furono occupate dalla Croce Rossa e il “Pier Crescenzi” fu trasformato in caserma.
Le scuole elementari furono private di 93 aule. I massimalisti chiesero la requisizione forzosa di immobili privati, dei “palazzi dei signori”, ma Zanardi si oppose attenendosi sempre alla legge: organizzò doppi turni con classi di 50 ragazzi, prese in affitto qualche locale e, contando anche sulla generosità di Enti e cittadini, li arredò alla meglio per consentire in ottobre l’inizio delle lezioni.
Quando a fine ottobre 1917 vi fu la disfatta di Caporetto, Bologna come altre città a sud del fronte, offrì accoglienza a una parte dei 300.000 profughi che avevano abbandonato le loro case e i loro beni. Bologna ne accolse migliaia. E anche in questo caso senza far ricorso a requisizioni o occupazioni di edifici privati.
Zanardi era convinto del fatto che colui che indossa la fascia tricolore deve essere di esempio se vuole essere credibile: non può pretendere il rispetto di leggi e norme da parte dei cittadini, se poi è lui stesso ad infrangerle.
C‘è da rimanere allibiti e sgomenti di fronte a quanto un pubblico amministratore ha consentito consapevolmente in via Mario de Maria. Non resta che augurarsi che la stessa fascia tricolore che indossano il Sindaco e gli Assessori abbia ancora efficacia.
Infine, una domanda mi sia permessa: ma l'Assessora alla Legalità avalla tutte queste illegalità?
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa


COMMENTI
A causa di eccessive intrusioni di fastidiosi "spammer", ho dovuto disabilitare i commenti, almeno per un certo periodo. Al momento, se desiderate mandarmi un messaggio, utilizzate l'indirizzo di posta elettronica marcopoli[chiocciola]marcopoli.it, comunicandomi eventualmente se volete che il vostro scritto venga comunque reso pubblico in calce all'articolo a cui si riferisce. In tal caso provvederò io stesso a inserirlo manualmente. Grazie.
Ci sono 251 persone collegate

< dicembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Agenda Conferenze (1)
Articoli (112)
Articolo (4)
Biografia (1)
Cose d'altri tempi - Rubrica del Resto del Carlino (9)
Curiosità petroniane (8)

Raccolti per mese:


Gli interventi più cliccati

Gli ultimi commenti:

Gent.mo dott. Poli, per conto dell'Ass...
16/02/2012 alle 16:45:01
 Mauro Marroni

Ricordo che da studente, negli anni 60...
08/02/2012 alle 01:12:14
 Aristide S.

Posso assicurarle che nell'interrato e...
15/01/2012 alle 21:06:16
 Anna Domenica Toffenetti

Buonasera. Vorrei sapere se il superme...
13/01/2012 alle 14:43:45
 Adele









13/12/2018 @ 02:46:52
script eseguito in 72 ms


Area Riservata