Immagine
 Il sito web... di Marco Poli
 
e poi ci troveremo come le star,
a bere del whisky al Roxy Bar...

Vasco Rossi, Vita spericolata
” 
 
\\ Home Page : Articolo
40 anni fa, Dino Sarti in piazza Maggiore
 Marco Poli (del 02/09/2014 alle 22:47:03, in Articoli , visitato 1410 volte)
Il 14 agosto 1974 il Comune di Bologna, su idea del sindaco Renato Zangheri, organizzò per i bolognesi rimasti in città uno spettacolo in piazza Maggiore.
L’artista che condusse gli spettatori verso il Ferragosto fu Dino Sarti, un autentico bolognese. All’epoca non c’era la consuetudine che il Comune offrisse spettacoli estivi (come poi accadde dagli anni ’80 in poi) e pertanto non era possibile immaginare quale partecipazione di pubblico vi sarebbe stata.
L’idea di Zangheri si rivelò vincente e la sera del 14 agosto ben 30.000 persone affollarono la piazza per applaudire con entusiasmo il cantante.
Già noto, ma non notissimo, l’anno prima, oltre aver debuttato al Derby di Milano, il locale dove si esibivano i cabarettisti, aveva inciso un album di successo (Bologna invece) che conteneva alcune canzoni in dialetto bolognese e altre del repertorio classico francese. Dopo il successo del 14 agosto, Dino Sarti incise l’album Piazza Maggiore 14 agosto che gli diede grandissima notorietà al punto che il 14 agosto dell’anno successivo la piazza fu ancora più gremita.
Proseguì la produzione di canzoni orecchiabili e divertenti che ripercorrevano situazioni, personaggi e mode del tempo, come Viale Ceccarini. Riccione, Spomèti, Il tango imbezell.
Da petroniano tifoso scrisse anche l’inno Bologna campione.
Autore di gradevoli libri soprattutto di costume petroniano («O si è bolognesi o si sa l’inglese»), ebbe piccole parti in alcuni film, ma soprattutto ci ha lasciato canzoni che sono entrate nella memoria dei bolognesi.
L’ultimo 14 agosto in piazza Maggiore fu quello del 1987. È morto nel 2007 all’età di soli 71 anni, dimenticato dalla città alla quale aveva dato tanto e dalla quale aveva ricevuto la grande soddisfazione dei tanti Ferragosto che lui dovette sentire ancora più caldi per l’affetto dell’immenso pubblico di piazza Maggiore.
A lui non è intitolata nemmeno una rotonda.
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa


COMMENTI
A causa di eccessive intrusioni di fastidiosi "spammer", ho dovuto disabilitare i commenti, almeno per un certo periodo. Al momento, se desiderate mandarmi un messaggio, utilizzate l'indirizzo di posta elettronica marcopoli[chiocciola]marcopoli.it, comunicandomi eventualmente se volete che il vostro scritto venga comunque reso pubblico in calce all'articolo a cui si riferisce. In tal caso provvederò io stesso a inserirlo manualmente. Grazie.
Ci sono 267 persone collegate

< dicembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Agenda Conferenze (1)
Articoli (112)
Articolo (4)
Biografia (1)
Cose d'altri tempi - Rubrica del Resto del Carlino (9)
Curiosità petroniane (8)

Raccolti per mese:


Gli interventi più cliccati

Gli ultimi commenti:

Gent.mo dott. Poli, per conto dell'Ass...
16/02/2012 alle 16:45:01
 Mauro Marroni

Ricordo che da studente, negli anni 60...
08/02/2012 alle 01:12:14
 Aristide S.

Posso assicurarle che nell'interrato e...
15/01/2012 alle 21:06:16
 Anna Domenica Toffenetti

Buonasera. Vorrei sapere se il superme...
13/01/2012 alle 14:43:45
 Adele









13/12/2018 @ 03:02:59
script eseguito in 74 ms


Area Riservata