\\ Home Page : Articolo : Stampa
Berengario da Carpi, medico di personaggi illustri
 Marco Poli (del 19/07/2011 alle 08:49:13, in Articoli, visitato 1717 volte)
Ho incontrato una persona che abita in via Berengario da Carpi e che ritiene che costui sia stato un pittore, confondendolo forse col pittore Girolamo da Carpi. In realtà, Jacopo Barigazzi, che non si sa per quale ragione cambiò il nome in Berengario da Carpi, fu un famoso medico. Nato a Carpi nel 1460, figlio di un chirurgo dal quale apprese la pratica se non la teoria, visse alla corte del Signore di Carpi, Alberto III Pio, dove conobbe Pico della Mirandola, Pietro Pomponazzi e altri personaggi della cultura e della scienza. Laureatosi in medicina a Bologna nel 1498, nel 1502 fu nominato docente nell’Ateneo bolognese, non prima di aver ottenuto la cittadinanza da papa Giulio II, con lo stipendio annuo di lire 100. Il Senato gli affidò anche l’incarico di gestire l’ospedale di S.Giobbe dove si curavano i malati di sifilide. La sua fama si diffuse rapidamente e fu chiamato alla corte papale e in altre città per curare pazienti illustri come Lorenzo de’ Medici (di Urbino) ferito da una pallottola al cranio, Giovanni dalle Bande Nere (a Piacenza), Benvenuto Cellini e Marcantonio Colonna (a Roma): quest’ultimo gli donò un dipinto di Raffaello, il San Giovannino, che però si rivelò una copia. Divenne ricco e a Bologna acquistò numerosi immobili; fu collezionista di opere d’arte e di reperti archeologici, fra cui il torso marmoreo di Nerone, oggi presente nel Museo Archeologico. Scrisse opere di successo: oltre ad un compendio di anatomia con tavole illustrate, un commentario all’opera di Mondino de Liuzzi, scritti sulla cura della sifilide col mercurio, sulla chirurgia cranica, sull’utero. Ebbe una vita avventurosa e anche violenta: molti lo apprezzarono e molti lo criticarono ferocemente. A Bologna rimase fino al 1527 poi tornò a Carpi al servizio del duca Alfonso I d'Este. Morì nel 1530 e fu sepolto in un convento francescano di Ferrara secondo le sue volontà testamentarie. (Carlino 20.6.2011)