\\ Home Page : Articolo : Stampa
100 anni fa, un bolognese vinse la prima medaglia d’oro olimpica
 Marco Poli (del 21/02/2012 alle 09:46:51, in Articoli, visitato 1933 volte)
Le prime Olimpiadi dell’età moderna si svolsero ad Atene il 25 marzo 1896 su iniziativa del barone Pierre De Coubertin. Per diverse ragioni, l’Italia non partecipò a quelle Olimpiadi e nemmeno a quelle successive.  
Solo alla quarta Olimpiade, che si svolse a Londra nel 1908, partecipò anche l’Italia e si fece onore Alessandro Pirzio Biroli, un giovane ufficiale di Campobasso che, di stanza a Bologna, utilizzò la palestra Virtus di via Castiglione nell’ex chiesa di S. Lucia per i suoi allenamenti come schermitore: vinse la medaglia d’argento nella sciabola a squadre.
Dunque, c’è un po’ di Bologna anche in questa prima medaglia italiana. Molta Bologna, invece, vi fu nella quinta Olimpiade che si svolse a Stoccolma nel 1912: infatti, nel torneo a squadre di ginnastica, l’Italia si aggiudicò la medaglia d’oro e fra i componenti la squadra vi era Giuseppe Domenichelli, nato a Bologna il 30 luglio 1887 e morto sempre a Bologna il 13 marzo 1955, un bolognese doc. Della squadra facevano parte anche i “quasi bolognesi” Adolfo Tunesi (Cento, 1887 - Bologna 1964) che conquistò anche il bronzo nel torneo individuale, e Luciano Savorini (Argenta, 1885 - Bologna, 1964) che faceva parte della Fortitudo di via San Felice.
Un non piccolo merito di questi successi va alle palestre e alle relative società sportive (Virtus, Fortitudo e Sempre Avanti) che consentivano agli atleti di allenarsi con continuità.
Giuseppe Domenichelli, che già faceva parte della nazionale italiana e che aveva ottenuto ottimi risultati, dopo aver vinto l’oro non interruppe la sua attività sportiva, nemmeno in presenza della prima guerra mondiale: alle settime Olimpiadi, quelle di Anversa del 1920, pur avendo raggiunto l’età di 35 anni, Domenichelli e la squadra italiana trionfarono di nuovo ottenendo l’oro. Solo attorno ai 40 anni si ritirò dall’attività agonistica, rimanendo nell’ambito della Virtus come insegnante.