\\ Home Page : Articolo : Stampa
Quando le discariche stavano nei cortili ("Carlino", 22.1.2008)
 Marco Poli (del 01/02/2008 alle 15:24:38, in Cose d'altri tempi - Rubrica del Resto del Carlino, visitato 2171 volte)
Nel 1890 il Comune di Bologna affidò ad un privato il servizio di raccolta dei rifiuti, di pulizia delle strade e dei portici e di annaffiamento delle strade.
I rifiuti raccolti venivano ammassati provvisoriamente in cortili di edifici privati, presi in affitto ad hoc dall’appaltatore: i cortili erano in via Frassinago, via Torleone, via Santa Croce e via del Borgo.
Passate 24 ore, giungevano dei carri per raccogliere i rifiuti e scaricarli poi su un terreno fuori porta di proprietà dell’appaltatore. I rifiuti “umidi” venivano “riciclati” in quanto venduti come concime agli agricoltori.
Nel 1909 il Comune cambiò la ditta appaltatrice e l’incarico passò alla ditta Zamboni: il servizio fu simile al precedente salvo il fatto che ai cortili privati furono sostituite, come stazioni di scarico temporaneo, tre aree fuori porta e come discarica un terreno fuori porta Zamboni, l’ex “lunetta Alvisi”.
In questa fase, gli accresciuti costi di trasporto dei rifiuti in campagna e la comparsa dei concimi chimici frenò il riciclo agricolo dei rifiuti.
Fu così che il Comune deliberò una sperimentazione: incenerirli con un forno predisposto da una ditta tedesca.
Il forno fu costruito in via Vezza, ma dopo pochi mesi si rivelò un fallimento.