\\ Home Page : Articolo : Stampa
Giuseppe Massarenti, una vita per i pił deboli
 Marco Poli (del 18/06/2008 alle 16:46:33, in Articoli, visitato 2176 volte)
Il 10 giugno 2008, presso l’Auditorium di Molinella, via Mazzini 90, si è tenuta la presentazione del mio ultimo libro

Giuseppe Massarenti. Una vita per i più deboli

Dopo un anno e mezzo di ricerche, di impegno non privo di difficoltà, contando su tanti insperati aiuti, fra cui quello fondamentale di Giorgio Golinelli, finalmente vede la luce questo mio libro, che consta di ben 540 pagine con oltre 100 fotografie.
L’editore, assai prestigioso, è Marsilio di Venezia. Il libro è stato fortemente voluto e finanziato da COOP Reno.
Giuseppe Massarenti (1867-1950)
è stato uno degli “apostoli” del socialismo riformista che in Emilia Romagna e nella pianura padana hanno restituito dignità e volto ai lavoratori della terra.
Il comune di Molinella, per merito dell’azione di Massarenti, è stato al centro di questa rivoluzione sociale.
Egli era convinto che per elevare la classe lavoratrice occorressero un sindacato forte, una cooperazione diffusa e l’amministrazione dei comuni da parte dei socialisti.
Fra il 1890 ed il 1921, riuscì a fare di Molinella un modello unico di “repubblica socialista”.
Il fascismo prima lo inviò più volte al confino, poi lo rinchiuse in manicomio tenendolo lontano da Molinella per ben 27 anni.
Per tutta la sua vita rimase un socialista riformista: nel 1922 aderì al PSU di Turati, Treves, Prampolini, il cui segretario fu Giacomo Matteotti
Questo libro ripercorre l’opera, i successi, e le sofferenze di Giuseppe Massarenti, attraverso una ricca documentazione, in parte inedita.